web analytics
   

L’ultimo giorno di Commodore

VISUALIZZATO 3.587 VOLTE

 
Print Friendly, PDF & Email

Qualche tempo fa, chiaccherando di Amiga con un amico d’infanzia, mi sono chiesto come il blog di un’amighista “sfegatato” (come mi chiama simpaticamente il mio amico e lettore Giuseppe Galluzzo, fondatore dell’ottimo blog Viewtiful Blog non abbia ancora nel suo archivio qualcosa che tratti (purtroppo) della fine della gloriosa Commodore!

Ho deciso quindi di consegnare ai lettori di Retrogaming Planet un video che da molto tempo gira in rete ma che spero possa generare un bel thread di discussione e commenti da parte di fan Commodore ma anche da parte di quelle persone per le quali la Grande C ha significato poco o nulla! Sono davvero curioso di leggere i vostri commenti a riguardo!

Anche i muri sanno che Commodore nel 1994 decise di chiudere i battenti dopo 40 anni di onorata carriera (cominciata nel 1953 con la riparazione di macchine da scrivere) e per molti di noi videogiocare non fu più la stessa cosa!
Ricordi di intere serate passate davanti al Commodore 64 prima e l’Amiga dopo spazzate via in un batter d’occhio anche se la dipartita di Commodore ha reso i suoi prodotti dei veri e propri “miti” videoludici al punto che ancora oggi, a 17 anni di distanza, vengono prodotti giochi e programmi tecnicamente capaci di stupire i retrogamers degni di tale nome.

Per questo motivo voglio proporvi un video, ripreso da un (ex)dipendente, dell’ultima giornata in una Factory Commodore (precisamente quella di West Chester): laddove poco tempo prima venivano prodotte le macchine dei nostri sogni e gli uffici erano un viavai di impiegati, ora regna sovrana la desolazione: impiegati qua e là a chiaccherare di chissà cosa, qualche scatolone di Amiga 600 davanti ad uno dei moltissimi uffici e magazzini di stoccaggio tristemente vuoti!
Una scena che personalmente non avrei mai voluto vedere!


 

A mio avviso è davvero triste vedere come una “superpotenza” possa ridursi in questo stato in pochissimo tempo (anche se la colpa di tutto ciò è attribuibile SOLO ed ESCLUSIVAMENTE alla Commodore stessa)…

Cara Commodore, hai fatto sicuramente moltissimi imperdonabili errori tecnici e di marketing ma sono sicuro che senza di te il mondo videoludico non sarebbe stato cosi bello e forse oggi non avremmo a disposizione tutto questo ben di Dio di hardware!

Grazie Commodore…non ti dimenticheremo!

© Copyright 2009 - 2017 by Retrogaming Planet
 

Autore: Robert Grechi

Nato nel 1977 ho vissuto in prima persona la nascita dei videogames fin dal lontano 1982, anno in cui entro in possesso di uno splendido Colecovision e con il quale comincio la mia “carriera” videoludica!
Da allora è stato un susseguirsi di Home Computer e Console che hanno ampliato ulteriormente l’interesse per i videogiochi al punto da aprire, nel mese di Luglio 2009, il blog Retrogaming Planet interamente dedicato al mondo videoludico anni ’80 – ‘ 90!

Condividi questo articolo

3 Commenti

  1. Caro Robert, non avevo mai visto quel video e vederlo è stato veramente triste. Vedere quella desolazione è un qualcosa di quasi drammatico per noi che con amiga ci vivevamo a stretto contatto ogni giorno.

    In realtà mi fa ben più male vedere il glorioso marchio Commodore sfruttato al giorno d’oggi per improbabili operazioni commerciali, più che discutibili tra l’altro. Ma mi consolo pensando che chi, come noi, ha vissuto il periodo magico del c64 e dell’amiga quelle emozioni, sensazioni e ricordi se li porterà sempre dietro 😉

  2. Ah dimenticavo, grazie per i complimenti, ovviamente la stima come sai è assolutamente reciproca 😉

  3. Hai ragione…questo video porta con sè una tristezza assoluta almeno per chi come noi ha vissuto per anni di pane e Amiga!
    Non ricordo in effetti di esserci rimasto tanto male per il fallimento di altre case (vedi Sega)….Commodore è Commodore, non c’è nulla da fare! Un’icona degli anni ’80 che mi riporta indietro nel tempo ognivolta se ne parla!

    Grazie ancora per i commenti carissimo…come sempre sei uno dei primi!!
    🙂

Invia Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *