web analytics
   

KUNG FU MASTER – Coin-Op (1984)

VISUALIZZATO 3.537 VOLTE

 
Print Friendly, PDF & Email

Sono sicuro che se chiedessi quale picchiaduro a scorrimento orizzontale è rimasto maggiormente impresso nelle menti dei moltissimi retrogamers, una buona parte risponderebbe all’unisono DOUBLE DRAGON o FINAL FIGHT

I più navigati (o forse i più vec…ehm “anziani” di noi) però non citerebbero questi ottimi titoli bensì un altro gioco che, nato in sordina, ha di fatto dato il via ad un nuovo genere ovvero i beat’em up a scorrimento orizzontale appunto: KUNG FU MASTER!

NOTA: Vorrei sottolineare che in questa sede verranno prese in esame solo le versioni Arcade, Atari 2600 e Atari 7800 che risultano essere le versioni che ho effettivamente giocato all’epoca della pubblicazione!
A fine articolo troverete comunque un ottimo video che mette a confronto fra di loro tutte le varie conversioni disponibili di Kung Fu Master!

Il gioco, sviluppato dalla IREM e pubblicato dalla stessa software house in Giappone con il nome di SPARTAN X e sotto licenza DATA EAST nel resto del mondo, viene rilasciato nel 1984 in versione Arcade e convertito successivamente per un gran numero di console ed home computer.
Nei panni del maestro Keiji Thomas ci troveremo all’interno di un edificio disposto su cinque piani per combattere contro gli scagnozzi di un tale Mr. X che ha avuto la malsana idea di rapire la nostra bellissima ragazza Sylvia.

COIN OP

Kung Fu Master, ispirato per quanto riguarda l’ambientazione e la trama di gioco ad alcuni films di arti marziali giapponesi, si sviluppa orizzontalmente lungo il corridoio del livello da percorrere prestando attenzione agli avversari, esperti anch’essi arti marziali, che tenteranno di farci la pelle attaccandoci da entrambi i lati.
Partendo dal piano più basso dell’edificio dovremo affrontare gli scagnozzi ed i rispettivi boss di fine livello per arrivare a confrontarci con Mr.X in persona e liberare finalmente la nostra amata. Sconfitto l’ultimo Boss il gioco ricomincia daccapo consentendoci di completare, in pratica, ad oltranza il gioco ma al tempo stesso memorizzando il numero di volte che riusciremo a terminare il gioco.
La leggenda narra che, terminando l’intero gioco per cinquanta volte consecutive, ci viene data la possibilità di combattere contro la nostra fidanzata Sylvia!
Inutile dire che il sottoscritto non ha mai avuto questo privilegio!

Come abbiamo detto i livelli sono cinque in totale e in ognuno di essi aumenteranno il numero ed il tipo di avversari da affrontare oltre a disporre di un Boss finale ciascuno. Di seguito una breve descrizione degli avversari che affronteremo e dei cinque boss finali:

AVVERSARI

  • Gripper: Il nemico che incontreremo più spesso nel gioco; costui cercherà di afferrare Thomas per far diminuire la barra di energia disponibile. Per liberarsi dal Gripper dovremo muovere continuamente il joystick a destra e sinistra.
  • Tom Tom: come il Gripper tenterà di afferrarci utilizzando però anche un attacco in salto con capriola
  • Lanciatore di coltelli: l’immancabile “coltellaio” che prenderà di mira gambe e busto per farci fuori con i suoi coltelli
  • Vaso con cobra: un semplice vaso che, gettato dal soffitto, libererà un pericoloso cobra tra l’altro non eliminabile
  • Falena velenosa: una ripugnante falena gigante che volerà verso Thomas per attaccarlo
  • Drago: un pericoloso drago sputa fuoco contenuto in una sfera lanciata dal soffitto come il vaso con cobra
  • Palla di coriandoli: una palla colorata fluttuante a mezz’aria che, esplodendo, libererà coriandoli dannosi per Thomas. Qualora toccassimo la palla senza eliminarla la nostra energia diminuirà

BOSS FINALI

  • Guerriero Escrima: boss del primo piano armato di bastone e probabilmente ispirato al maestro di Escrimia del film L’ultimo combattimento di Chen, interpretato da Bruce Lee
  • Guerriero con boomerang: boss del secondo piano armato di boomerang che, come vedremo, non esiterà a lanciare più volte verso di noi
  • Mr. Big: il boss del terzo piano è un gigante di colore armato solo delle sue enormi mani ed ispirato probabilmente al personaggio interpretato da Kareem Abdul-Jabar sempre nel film L’ultimo combattimento di Chen
  • Mago nero: il boss del quarto piano è un vero mago capace di far apparire dal nulla serpenti, draghi e pipistrelli da scagliarci contro. E’ vulnerabile esclusivamente agli attacchi bassi e può attaccare con fiamme oltre a possedere doti di teletrasporto
  • Mr. X: boss del quinto piano ed ultimo nemico da affrontare per riuscire a terminare il gioco.
    Mr. X è un esperto di arti marziali come il nostro eroe Thomas

Qui sotto invece trovate un piccolo schema riepilogativo recante rispettivamente il numero del piano, il tipo di avversario incontrato ed il Boss di fine livello:

PRIMO PIANO

  • Avversari: Gripper, Lanciatori di coltelli
  • Boss Finale: Escrima

SECONDO PIANO

  • Avversari: Palle di confetti, draghi, vasi con cobra, gripper, lanciatori di coltelli, tom tom
  • Boss finale: Guerriero con Boomerang

TERZO PIANO

  • Avversari: Gripper, lanciatori di coltelli, tom tom
  • Boss finale: Mr. Big

QUARTO PIANO

  • Avversari: falene velenose, tom tom, gripper, lanciatori di coltelli
  • Boss finale: Mago nero

QUINTO PIANO

  • Avversari: lanciatori, tom tom, gripper
  • Boss finale: Mr. X

Come potete vedere dal video del coin op, Kung fu risulta ben fatto con una giocabilità calibrata. La grafica è varia e colorata ed anche il comporto sonoro si difende bene accompagnando l’intera partita con un sottofondo orientaleggiante.
La possibilità di giocare con un amico (ma solo a turni) ci consentirà di apprezzare il gioco in compagnia.

Kung Fu verrà convertito per le maggiori console e Home computer a 8 bit disponibili in quegli anni anche se, su alcune macchine, tali conversioni risulteranno appena sufficienti.
Una su tutte sarà la versione per Atari 2600, decisamente scarna graficamente e lontana dall’originale, seppur parecchio divertente e godibile nella sua semplicità (ricordo di aver trascorso parecchi giorni davanti al monitor nel tentativo di migliorare il mio scarso punteggio)

(Cliccare sulle immagini per ingrandirle)

La cover della versione per Atari 2600

La cover della versione per Atari 2600

La cover della versione per Atari 7800

La cover della versione per Atari 7800

Vorrei però farvi notare la differenza fra la versione per Atari 2600 e quella per Atari 7800: nonostante le specifiche tecniche simili delle due macchine (ad eccezion fatta per il maggior quantitativo di RAM montata sul 7800) la versione per 7800 risulta quasi identica all’originale arcade mentre quella per Atari 2600 decisamente lontana!
Il comparto audio invece risulta assolutamente identico nelle due versioni (ovvero scarsissimo)…

ATARI 2600

ATARI 7800


 

In ogni caso un titolo da provare se non in versione arcade (ormai introvabile) almeno nelle sue versioni per Home Computer: avrete un motivo in piu per lasciarvi scappare un sorrisetto o, per alcuni, una piccola lacrima di nostalgia in onore dei bei tempi andati!

© Copyright 2009 - 2017 by Retrogaming Planet
 

Autore: Robert Grechi

Nato nel 1977 ho vissuto in prima persona la nascita dei videogames fin dal lontano 1982, anno in cui entro in possesso di uno splendido Colecovision e con il quale comincio la mia “carriera” videoludica!
Da allora è stato un susseguirsi di Home Computer e Console che hanno ampliato ulteriormente l’interesse per i videogiochi al punto da aprire, nel mese di Luglio 2009, il blog Retrogaming Planet interamente dedicato al mondo videoludico anni ’80 – ‘ 90!

Condividi questo articolo

Invia Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *