web analytics
   

BEARGO il nuovissimo gioco per iPhone!

VISUALIZZATO 4.914 VOLTE

 
Print Friendly, PDF & Email

Pochi giorni fa ho ricevuto una notizia interessante dal mio amico Ivan Venturi di Koalagames ovvero la pubblicazione da parte della Imagimotion, software house romana, di BEARGO per iPhone, un videogioco davvero divertente destinato, secondo me, ad un gran successo!!

Non potevo naturalmente esimermi dal prendere carta e penna (anzi computer e mouse) per scrivere al grande Paolo Canonici (Direttore Tecnico di Imagimotion) e chiedere tutto ma proprio tutto sul gioco in questione!
Riporto pari pari quanto scritto da Paolo che, meglio di me, potra’ rivelare dettagli interessanti sulla realizzazione tecnica di BEARGO:

PAOLO: Il gioco in questione si ispira in modo voluto ed evidente al glorioso Pengo, del quale riprende fedelmente la dinamica di gioco reinterpretandola attraverso ambientazioni più spassose e scanzonate.
Qui i giochi in stile arcade ci piacciono molto ed un giorno è venuta fuori l’idea di un giochino per iPhone che richiamasse quel tipo di gameplay con bonus in stile Bubble Bobble.

Beargo è un gioco che abbiamo sviluppato per iPhone, utilizzando il software Unity3D un evoluto ambiente di sviluppo costruito attorno ad un motore 3D. Questo ambiente permette uno sviluppo estremamente agevole per applicazioni non troppo esigenti, ma la sua caratteristica più interessante è la portabilità: infatti un progetto sviluppato con Unity 3D può essere pubblicato su diverse piattaforme senza ulteriore sforzo in termini di programmazione; occorre solo modificare la grafica in base alle risoluzioni supportate dai diversi dispositivi.

Ad esempio, nel nostro caso Beargo potrebbe essere pubblicato, con la stessa licenza di Unity, in tempi velocissimi anche su PC, iPad e WII anche se su quest’ultimo la procedura per lo sviluppo e la pubblicazione di un gioco e’ ben piu’ articolata e sottoposta ad una costosa licenza da parte di team di Unity3D….
In pratica l’azienda che fornisce la licenza d’uso di Unity3D chiede agli sviluppatori:
– una tantum di circa un migliaio di Euro per tutte le piattaforme (tranne la WII) senza limitazioni sul numero di giochi sviluppabili;
– 15 mila Euro per ogni SINGOLO gioco pubblicato per Nintendo WII;

Il divario dei costi di licenza nei due casi è enorme….. Se sviluppassimo 10 giochi per iPad, ci costerebbe solo 1000 euro per la licenza Unity3D , mentre se ne facessimo 10 per WII dovremmo pagare 150.000 !!!
Evidentemente i volumi di affari attorno alla console di casa Nintendo sono enormemente superiori rispetto agli altri…

Tornando al gioco in Beargo è presente un livello segreto, del quale non viene svelata la modalità di accesso…quindi colui che riuscirà ad attivarlo potrà raccontarlo al mondo. (Datevi da fare quindi !! NdRGP)
Nonostante l’idea sia semplice, il gioco ha richiesto più tempo del previsto per essere realizzato, perchè abbiamo speso molte energie sull’impianto grafico e sulla dinamica di gioco che non era affatto banale da implementare su iPhone. Intorno al design c’è stato un lavoro di gruppo per filtrare le varie idee sui personaggi e gli elementi del gioco, infatti volevamo elementi accattivanti ma semplici da realizzare.
Ogni idea quindi veniva lungamente discussa tra tutti i partecipanti allo sviluppo, poichè crediamo che tutti possano dare qualcosa e possano fare esperienza attraverso gli altri.

Un'immagine del gioco

Ricorda la grafica di alcuni giochi Amiga (ovviamente con risoluzione maggiore...) vero?

A parte la supervisione e la direzione, lo sviluppo vero e proprio è stato portato avanti per la maggior parte da due persone: il programmatore Aldo Fanelli e il grafico Emiliano Morciano che hanno lavorato “gomito a gomito” per 4 mesi con grandissima passione!
Personalmente ritengo BEARGO un lavoro magnifico (e come dar torto a Paolo? NdRGP)

Ecco un video esplicativo che mostra le enormi potenzialita’ del gioco:


 

Avrete capito che i ragazzi di Imagimotion sono davvero in gamba e BEARGO ne e’ la prova concreta!!

Non mi resta che ringraziare Paolo per il tempo che mi ha concesso cogliendo l’occasione per fare i miei migliori auguri!
Vi ricordo che il gioco è disponibile sull’Apple Store dall’11 Maggio 2010 mentre il sito della software house e’ raggiungibile a questo indirizzo!

© Copyright 2009 - 2017 by Retrogaming Planet
 

Autore: Robert Grechi

Nato nel 1977 ho vissuto in prima persona la nascita dei videogames fin dal lontano 1982, anno in cui entro in possesso di uno splendido Colecovision e con il quale comincio la mia “carriera” videoludica!
Da allora è stato un susseguirsi di Home Computer e Console che hanno ampliato ulteriormente l’interesse per i videogiochi al punto da aprire, nel mese di Luglio 2009, il blog Retrogaming Planet interamente dedicato al mondo videoludico anni ’80 – ‘ 90!

Condividi questo articolo

2 Commenti

  1. Ho acquistato il gioco e sono rimasto molto sorpreso e soddisfatto della qualità, in effetti per un prodotto nostrano è decisamente sopra le righe. Devo dire che all’inizio ho faticato a familiarizzare con i controlli, ma poi è andato tutto liscio. Spero in un qualche aggiornamento per poter avere una classifica mondiale, ma soprattutto spero che qualcuno mi spieghi come accedere ai livelli segreti di cui si parla! 🙂

  2. Ghigo80 Wrote:

    Ho acquistato il gioco e sono rimasto molto sorpreso e soddisfatto della qualità, in effetti per un prodotto nostrano è decisamente sopra le righe. Devo dire che all’inizio ho faticato a familiarizzare con i controlli, ma poi è andato tutto liscio. Spero in un qualche aggiornamento per poter avere una classifica mondiale, ma soprattutto spero che qualcuno mi spieghi come accedere ai livelli segreti di cui si parla!

    Sono felice davvero…i ragazzi di Imagimotion sono davvero in gamba e avremo molte piacevoli sorprese in futuro!
    Per i livelli segreti…sono appunto segreti quindi sta a te scoprirli no?? :))

Trackback/Pingback

  1. Rilasciato Beargo 1.1 per iPhone,iPod Touch e iPad! | Retrogaming Planet - [...] realizzato dalla software house romana Imagimotion (chi si fosse perso l'articolo potra' rileggerlo qui). In quell'occasione ho riportato quanto…

Invia Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *